Lettera aperta al Commissario Prefettizio

Dott. Umberto Calandrella


Egregio Dott Calandrella,

 appreso della Sua decisione di revocare la deliberazione del Consiglio comunale con cui il Comune di Sanremo non si rendeva più disponibile ad accogliere sul proprio territorio circhi che fanno uso nei loro spettacoli di animali, Le scrivo in qualità di presidente della Sezione imperiese dell'Ente Nazionale Protezione Animali per sottoporre alla Sua attenzione alcune considerazioni.

     Sicuramente Lei avrà già sentito delle note polemiche causate soprattutto dalle deprimenti condizioni di detenzione degli animali negli zoo circensi e dalle tecniche di addestramento. Ad oggi, infatti, tutti gli animali sono inevitabilmente costretti in spazi ristretti ed in condizioni paragonabili spesso ad una vera e propria schiavitù. Poche unità di metri quadrati di gabbia metallica per i  grandi felini e, spesso, le doppie catene alle zampe degli elefanti. Le tecniche  di addestramento, più volte descritte e rivendicate dai circensi, si basano, nel migliore dei modi, sul condizionamento degli animali all’assunzione del cibo solo dopo aver eseguito correttamente un esercizio sino allo sfinimento. Queste tecniche, definite dai circensi “di addestramento con dolcezza” sono efficaci perché basate sulla paura  inflitta dall’uomo.

     Poiché gli spettacoli circensi sono destinati prevalentemente a giovanissimi spettatori, bambini ed adolescenti, mi preme sottolineare un altro aspetto  e cioè  la valenza negativa sotto il profilo pedagogico che uno spettacolo circense basato sull’uso degli animali può ingenerare. Si è infatti portati a vedere, spesso divertendosi, animali totalmente soggiogati alla volontà dell’uomo, spesso costretti a tenere comportamenti innaturali.

Si tratta di manifestazioni fortemente diseducative anche perché apprese in un contesto di liceità e di festa.

Tale contesto, lungi dal permettere ed incentivare la conoscenza per la realtà animale, rappresenta un veicolo di un’educazione al non rispetto per gli esseri viventi e sollecita una risposta incongrua, divertita e allegra alla pena, al disagio, all’ingiustizia.

    Sono certa che vorrà approfondire tutte le tematiche che necessariamente in una semplice lettera si devono sintetizzare e per questo resto  a completa disposizione  per ogni ulteriore chiarimento e, nel salutarLa cordialmente,  La prego di voler ripristinare la deliberazione assunta dal Consiglio Comunale,  impedendo che nel nostro Comune possano tenersi ancora spettacoli circensi in cui si faccia uso di animali.

 VALERIA FARALDI

PRESIDENTE SEZIONE IMPERIESE

E.N.P.A

Se vuoi pubblicare un commento, contattami e provvederò a pubblicarlo. Grazie.

Dopo l’aumento dei buoni pasto e delle rette degli asili nido, ora pare che la scure del Commissario Prefettizio sia pronta ad abbattersi su un altro  importante servizio alla persona.

Da voci che si stanno facendo sempre più ricorrenti sembrerebbe, infatti,  che l’Asilo nido “Raggio di sole”,  che ospita bambini sino a tre anni di età., non potrà offrire il servizio estivo.

Il motivo addotto è sempre lo stesso e cioè la necessità di risparmiare.

Come già detto per l’ aumento del costo dei buoni  mensa e delle rette degli asili nido, pare del tutto inopportuno  privare le famiglie sanremesi di un così importante servizio , soprattutto in considerazione del fatto che la nostra economia locale è assai legata alle attività stagionali, che si svolgono soprattutto nel periodo estivo.

Inoltre, occorre  ricordare che l'asilo nido estivo è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e formazione dei loro bambini, che cura la loro socializzazione ed i loro processi di apprendimento, è insomma, molto di più di un luogo in cui lasciare i bambini mentre i genitori lavorano.
Infine, occorre sottolineare che le famiglie hanno sempre pagato  questo servizio in base al redditometro.

La richiesta, rivolta al Commissario Calandrella,  è di  ripensarci seriamente e di non privare la prossima estate le famiglie sanremesi dell’Asilo nido “Raggio di sole”.

Se vuoi pubblicare un commento, contattami e provvederò a pubblicarlo. Grazie.

I CANDIDATI DELLA LISTA SVILUPPO E SOLIDARIETÀ

ALLA CARICA DI CONSIGLIERE COMUNALE

CANDIDATO SINDACO BRUNO BARBARO

N.

Cognome e nome

Professione

1

FARALDI VALERIA

INSEGNANTE

2

ANFOSSI ALESSANDRO

STUDENTE

3

ARDOINO MARCO

FLORICOLTORE

4

BARBORO DAVIDE

ARTIGIANO ELETTRICISTA

5

BERRO ANTONIETTA

CASALINGA

6

BIANCHI GIANPAOLO (detto SERGIO)

PENSIONATO

7

BRECCIONE MATTUCCI GIULIANO

OPERATORE ECOLOGICO

8

CASTRUCCI PATRIZIA

IMPIEGATA A.S.L.

9

DESIDERI PAPARELLA ANTONELLA

IMPIEGATA in COOPERATIVA DI SERVIZI

10

DI SILVESTRO GIOVANNI

PENSIONATO

11

ESPOSITO SERGIO

IMPIEGATO A.S.L.

12

GANZERLA MASSIMO

DISPENSIERE in SOCIETÀ DI RISTORAZIONE

13

IEMMA VINCENZA

ESTETISTA

14

MASSA MAURIZIO

ISTRUTTORE FITNESS

15

MOIRANO ALESSANDRO

IMPIEGATO

16

MORO FORTUNATA

PARRUCCHIERA

17

PANIZZI GIANCARLO

IMPIEGATO DI GIOCO CASINO SPA

18

PAPPALARDO LUCIA

INSEGNANTE

19

PETERS JADE MELANIE

AGENTE RAPPRESENTANTE

20

PIZZOLLA NINO

IMPIEGATO STATALE

21

POGGI YURI

LAVORATORE INTERINALE

22

RUZZI ALDO

ARTIGIANO IDRAULICO

23

SICILIANO CARMELO

MURATORE

24

SILVESTRO ANGELA

COMMESSA

25

TAGGIASCO GIOVANNI BATTISTA

OLIVICOLTORE

26

TALEKOVA ELENA

IMPRENDITRICE ALBERGHIERA

27

TARICCO MASSIMO

VETERINARIO

28

TREVISIOL LUIGI

PENSIONATO

29

TRUCCHI GIOVANNI BATTISTA

IMPIEGATO STATALE

30

TURCHIO ALESSANDRO

IMPIEGATO in SOCIETÀ DI DISTRIBUZIONE

Se vuoi pubblicare un commento, contattami e provvederò a pubblicarlo. Grazie.